Non sempre si conosce il reale pericolo per i propri occhi e della pelle causato dal sole soprattutto per quanto riguarda i bambini.

Molti non sanno che è necessario proteggere gli occhi dai raggi UV, con occhiali da sole o anche con delle lenti chiare che abbiano però una protezione dagli UV.

Alcuni consigli per proteggersi dal sole
Evitare di prendere il sole nelle ore di punta, ad esempio dalle 11 alle 15. Anche se la giornata è parzialmente coperta o se ci troviamo sotto l’ombrellone dobbiamo considerare che i raggi UV sono invisibili e insidiosi.
Il consiglio è di esporsi in modo graduale ai raggi solari, per pochi minuti sempre nelle ore non di punta, incrementando poi via via il tempo di esposizione. Una eccessiva ed errata esposizione ai raggi solari può causare invecchiamento precoce della pelle ed assenza di elasticità.

I sole e i neonati
I neonati hanno una pelle molo sensibile e vanno protetti totalmente dall’esposizione diretta al sole. Per quanto riguarda i loro occhi, basta pensare che questi sono ancora poco formati e protetti e quindi molto vulnerabili.

Quando ci esponiamo al sole i nostri occhi e la nostra pelle è “colpita da”:

  • I raggi infrarossi
  • I raggi UV
  • Il riflesso della luce

E’ bene ricordare che il sole tende ad asciugare l’occhio creando nel tempo una fastidiosa sensazione di secchezza. Nei casi più gravi si ha la sensazione di un forte strofinio tra la palpebra e l’occhio. In questo caso è opportuno utilizzare lacrime artificiali o bagnare gli occhi con acqua corrente, proteggendosi poi subito dai raggi solari.

Come detto in precedenza l’errore più frequente è quello di pensare che riparandosi sotto l’ombrellone si sia esente da rischi dovuti alla presenza di raggi UV. E’ bene sapere che i raggi oltrepassano senza alcun problema le superfici sottili come appunta la tela. In genere il 70% dei raggi UV oltrepassa comunque anche le tele più spesse.

Facebook